Correzione della punta del naso e della gobba del naso

Ricostruzione del nasoDurante gli interventi di rinoplastica vengono trattate tutte le strutture: la gobba nasale viene eliminata, e viene altresì ridotta l'altezza del setto e delle cartilagini triangolari onde ottenere un dorso più armonico e stretto. Anche la punta nasale viene assottigliata per ottenere un aspetto più delicato. Ovviamente nell'uomo tutte le proporzioni dovranno tenere conto del significato virile della piramide nasale, che, quindi, anche se più armoniosa, dovrà mantenere le prerogative "classiche" della mascolinità, mentre nella giovane donna dovremo considerare l'equilibrio delle fattezze e la delicata armonia dei lineamenti, oltre alla personalità individuale.

Quindi nasi larghi, gibbosi, lunghi e discesi verso la bocca, deviati, con narici larghe o con difetti della punta (come la punta "a patata"), possono, così come i nasi corti o poco proiettati o, al contrario, troppo proiettati, essere abilmente rimodellati per ottenere il risultato desiderato e precedentemente concordato con il chirurgo nel corso della prima visita. Durante questa, infatti, viene disegnato il nuovo profilo nasale che si desidera ottenere sul retro di una foto pre-operatoria, in modo che il paziente sia consapevole del risultato proposto ed ottenibile.

Anche i pazienti adulti ed anziani possono trovare grande giovamento in seguito ad un intervento di rinoplastica. L'invecchiamento del viso colpisce infatti in modo particolarmente accentuato le strutture nasali, con evidente aumento dei volumi cartilaginei e discesa delle strutture verso la bocca. Ciò comporta un aspetto stanco, invecchiato, appesantito se non addirittura "grifagno" del volto.

Un intervento conservativo, che migliori l'estetica del naso senza stravolgere l'immagine che ogni paziente adulto ha ormai consolidato nel corso degli anni, può consentire di ringiovanire e rinfrescare un viso, talvolta anche più di un intervento di face-lift.